MERCOLEDI’ 8 OTTOBRE IN PIAZZALE DELLA PACE A PARTIRE DALLE ORE 17 PRESIDIO CONTRO GOVERNO E CONFINDUSTRIA, E 11 OTTOBRE MANIFESTAZIONE A ROMA

nessun commento

Il presidio è un’iniziativa indetta in preparazione della manifestazione nazionale “un’altra politica per un’altra Italia” che vi sarà l’11 ottobre a Roma. Il Prc di Parma mette a disposizione dei pullman.Chi volesse parteciparvi può prenotare un posto chiamando ai numeri di telefono 0521252097 / 343472669378 / 3498098448. Mentre con le attuali retribuzioni non si arriva a fine mese, Confindustria propone una riforma del contratto nazionale che significherà ulteriore perdita d’acquisto dei nostri salari e dei nostri stipendi, oltre che un aumento dei ritmi e delle ore di lavoro. Il governo vuole poi procedere alla demolizione finale di ciò che resta nelle scuole, nelle università e nei servizi sociali e sanitari, con un azione di tagli indiscriminati, con licenziamenti di massa (se ne prevedono 140.000 solo nella scuola), aprendo definitivamente le porte ai privati e cancellando la natura pubblica e di massa del nostro sistema formativo e della nostra sanità. A questo si accompagna un attacco ideologico senza precedenti “contro il ’68”, per il ritorno al maestro unico e la cancellazione del tempo pieno nella scuola elementare, con l’obiettivo esplicito di ritornare ad un’istruzione dichiaratamente di classe e autoritaria che insegni la gerarchia e il rispetto dell’autorità. Infine, tutti questi attacchi devono essere fatti dimenticare lanciando una campagna politica e mediatica contro il migrante dipinto come il responsabile di ogni male e di ogni crimine, in questo modo coprendo e giustificando la crescita degli atti razzisti e xenofobi che si susseguono quotidianamente in tutto il Paese. E’ ora di reagire e per questo rivolgiamo l’invito a tutti a partecipare al presidio di mercoledì e alla manifestazione di sabato 11 ottobre a Roma.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

7 Ottobre, 2008 at 9:30 pm

Pubblicato in Notizie Parmensi

Tagged with