Nel mezzo del cammino… della Via Francigena

nessun commento

.Da Besançon a Ivrea, 426 chilometri da pellegrini nel cuore dell’Europa.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene presenta il percorso il 4 e 5 luglio 2009 a
S. Maurice, in Svizzera

La Via Francigena è una rete di sentieri percorsa dai pellegrini provenienti dal Nord Europa. Una strada, con varianti e deviazioni, che attraversa il nostro continente per 1700 chilometri, da Canterbury a Roma. L’Associazione Europea delle Vie Francigene, che negli ultimi anni sta valorizzando i percorsi per i “pellegrini del 2000”, presenta il 4 e 5 luglio 2009 a S. Maurice, in Svizzera, un tratto affascinante di questa strada di comunicazione importantissima per molti secoli. E’ il tratto che va da Besançon, in Francia, ad Ivrea, attraverso la Svizzera, e che è al centro dell’intero itinerario. Da Besançon a St-Maurice ci sono 236 km, e da lì ad Ivrea 190 km, per un totale di 426 km E come per Dante “nel mezzo del cammino” riserva tratti impervi ma molto suggestivi. Proprio qui si trova il punto più alto dell’intero itinerario, il Colle del Gran San Bernardo con i suoi 2479 metri, e l’importante abbazia di S. Maurice, fondata nel 515 e da allora sempre attiva, e che nel 2015 celebrerà i 1500 anni. Si tratta del monastero occidentale più antico, che sia riuscito a sopravvivere per tanto tempo senza interruzioni. Luoghi affascinanti, ricchi di spiritualità e storia, lontani dalle solite mete turistiche e che hanno tanto da raccontare. La presentazione della riapertura di questo tratto della Via Francigena è l’occasione per scoprire il lembo di Francia che ospita Besançon, patrimonio dell’Unesco; il cantone svizzero di Vaud, mosso e verdissimo, appoggiato sulle rive del lago di Ginevra; il cantone Vallese oltre il Rodano; l’impervia traversata del Gran San Bernardo e giù verso l’Italia, dalla romana Aosta fino ad Ivrea. Un cammino che anche oggi, organizzato con comfort ben diversi da quelli del pellegrino medioevale, riserva tratti aspri e impegnativi e panorami dalla bellezza struggente. In armonia con un percorso spirituale che accomuna i viandanti del 2000 a quelli del Millennio precedente, su questi stessi passi, nel corso dei secoli. Il presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, Massimo Tedeschi, presiederà l’Assemblea Generale a St. Maurice, coadiuvato da Willy Fellay, dell’associazione dei camminatori vallesani, e da mons. Joseph Roduit, abate di S: Maurice. L’incontro prevede anche la presentazione dell’ultimo numero della rivista Via Francigena e la posa di una targa commemorativa davanti alla Basilica da parte di Tedeschi e dell’abate Roduit. I partecipanti all’assemblea potranno provare l’emozione di “calcare” per primi un tratto del sentiero prima della messa di domenica mattina nell’abbazia.

Per informazioni:

Associazione Europea delle Vie Francigene

Piazza Duomo, 16

43036 Fidenza (Pr)

Tel.0524.530449

www.viafrancigena.eu

it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

luglio 4th, 2009 at 1:27 am