L’ambasciator d’Austria sulle note di Verdi

nessun commento

Martedì 29 dicembre 2009 Christian B.M. Berlakovits ha elogiato il Museo Nazionale Giuseppe Verdi, che ha sede nella cinquecentesca Villa Pallavicino a Busseto

Si impreziosisce il libro degli ospiti del Museo Nazionale Giuseppe Verdi (www.museogiuseppeverdi.it) con la firma dell’ambasciatore d’Austria Christian B.M. Berlakovits che martedì 29 dicembre 2009, durante la sua due giorni bussetana alla scoperta dei luoghi verdini, non ha voluto perdere la visita guidata speciale organizzata in suo onore nella cinquecentesca Villa dei Marchesi Pallavicino, sede del museo dedicato al “Cigno di Busseto”, inaugurato da pochi mesi.

Un incontro, quello tra l’Austria e Busseto, da sempre sancito dalla musica di due grandi maestri, Verdi e Mozart, che si intrecciano artisticamente in un pentagramma che valica la storia in nome di una passione incancellabile, suggellato da un gemellaggio ormai trentennale tra le due cittadine di Busseto e Salisburgo, che hanno dato i natali ai due giganti della musica mondiale.

Una visita guidata speciale, visto che come ciceroni l’ambasciatore ha avuto il Cav. Mariano Volani, presidente del Museo, il direttore Mario Marini e Corrado Mingardi, responsabile della biblioteca della Fondazione Cariparma di Busseto ed autorevole studioso verdiano. Entusiasta, come uno spettatore alla prima, l’ambasciatore ha percorso le 21 sale della villa trasformate in palcoscenici che ripercorrono le 27 opere del Grande Compositore.

A lasciare con il fiato sospeso l’ambasciatore d’Austria sono stati soprattutto l’allestimento del regista e scenografo Maestro Pier Luigi Pizzi, le musiche di Verdi e le luci teatrali che caratterizzano l’intero cammino espositivo.  Inoltre grande interesse verso i quadri di Francesco Hayez, massimo esponente del romanticismo storico che con le sue tele narra gli anni della Milano in cui si mosse Giuseppe Verdi, seguiti dai ritratti inconfondibili di Giovanni Boldini e dai preziosi leggii che conservano i testi scritti dal critico d’arte Philippe Daverio che conducono in una precisa visione storica dell’epoca, dei fatti e dei personaggi che hanno influenzato il maestro nella creazione delle proprie opere.

«Entro il 2013 – ha annunciato Mariano Volani – il museo diventerà un centro internazionale dedicato a Verdi. Crediamo molto anche nella formazione, perciò i prossimi interventi nella dimora storica saranno dedicati ad allestire aule didattiche e un’audioteca».

«Lo scopo del progetto – ha raccontato Mario Marini, direttore del Museo all’ambasciatore – è quello di dar vita a uno spazio vivo, immersivo, emozionale, capace di diventare il fulcro culturale e turistico dei luoghi verdiani».

L’ambasciatore ha elogiato anche la sala dove si svolge il ciclo “Opera live” che offre la visione in diretta, via satellite in HD video sul grande schermo del Salone da Musica del Museo, delle grandi opere dai principali teatri del mondo, ed ha gettato le basi per la partecipazione degli istituti culturali del suo paese ai lavori preparatori del grande convegno internazionale su “I viaggi di Verdi”, che si terrà in ottobre del prossimo anno a Busseto.

Ad accogliere Berlakovits c’erano inoltre il presidente dell’associazione “Mozart Italia” Arnaldo Volani, l’assessore alla cultura del Comune di Busseto Emilio Mazzera e l’anima degli incontri culturali tra l’Austria e Parma Anna Poletti Zanella, trasformando una visita diplomatica in un vero e proprio scambio di emozioni tra promotori ed estimatori di musica, oltre ad alcuni esponenti dell’Associazione culturale “Amici di Verdi”.

Per Informazioni:

Museo Nazionale Giuseppe Verdi

Villa Pallavicino

Viale Ziliani, 1  43011 Busseto (PR)

Tel: 0524.931002

Mail: info@museogiuseppeverdi.it

Sito: http://www.museogiuseppeverdi.it

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Dicembre 29th, 2009 at 8:30 pm