Il diritto alla salute è ancora un diritto di tutti in Lombardia?

nessun commento

La preoccupazione del Naga a seguito della morte della bimba nigeriana di 13 mesi.

12/04/2010 Milano

Leggiamo con allarmata preoccupazione la notizia riportata dai giornali in data odierna concernente la morte, a Cernusco sul Naviglio, di una bambina nigeriana di 13 mesi avvenuta per cause ancora tutte da verificare. La bambina ha avuto grossissime difficoltà nell’accesso alle strutture sanitarie tanto che solo l’intervento paradossale dei carabinieri ha permesso il ricovero nel reparto di degenza probabilmente con un irreparabile e colpevole ritardo.

“Pur guardandoci da sbrigative e colpevolizzanti spiegazioni non possiamo non leggere quest’episodio come una possibile spia del peggioramento dell’accoglienza nelle strutture sanitarie pubbliche degli immigrati, specie se irregolari“ dichiara il Dott. Stefano Dalla Valle della Direzione Sanitaria del Naga, “ogni giorno presso l’ambulatorio medico del Naga incontriamo stranieri che denunciano la difficoltà e spesso l’impossibilità ad accedere alle cure sanitarie presso gli ospedali lombardi che, violando la legge nazionale che prevede l’acceso alle cure anche per i cittadini stranieri irregolari (art.35 T.U. Immigrazione), rifiutano l’accesso alle cure e rimandano paradossalmente alle strutture del volontariato come il Naga” prosegue il Dott. Dalla Valle, “Non possiamo non chiederci se questi episodi non costituiscano un sintomo di un atteggiamento progressivamente escludente da ricondursi alla legislazione razzista del c.d Pacchetto sicurezza e del generale clima di criminalizzazione dell’immigrazione” conclude il medico del Naga.

Come Naga, pur rifiutando di sostituirci ai doveri delle strutture sanitarie pubbliche, continueremo a fornire assistenza medica gratuita e quotidiana a tutti i cittadini stranieri indipendentemente dal loro status giuridico fino a quando ce ne sarà bisogno e continueremo a monitorare e a denunciare i casi di violazione del diritto alla salute. Invitiamo, inoltre, cittadini stranieri ed italiani a segnalarci ogni eventuale caso di mancato accesso alle cure.

Per maggiori informazioni   NAGA 02 58 10 25 99 – 339 62 43 771 naga@naga.it

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Aprile 12th, 2010 at 4:56 pm

Pubblicato in Associazioni No Profit,Notizie

Tagged with