Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto (PR) “Musica, Maestro!” dal 16 aprile

nessun commento

Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto (PR): concerti, conferenze, masterclass e opere in diretta dalla Scala di Milano e dal Liceu di Barcellona un museo tutto da vivere, uno spettacolo permanente

Vanno in scena, al Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto (PR), la vita, il mondo e il melodramma del più importante compositore d’opera italiano. In questo museo “non museale”, fatto di suggestioni e non di cimeli, si snoda un avvincente itinerario alla scoperta delle 27 opere di Verdi di cui sono state riprodotte, su licenza di Casa Ricordi, le scenografie delle “prime assolute”, da Oberto Conte di San Bonifacio (1839) a Falstaff (1893). Le audioguide di Philippe Daverio, brillante divulgatore, accompagnano il visitatore alla scoperta della vita e della produzione di Verdi. Il Museo, allestito nelle splendide sale di Villa Pallavicino, è stato concepito come un grande spettacolo verdiano tutto da vivere: arie, duetti e cori memorabili, atmosfere e arredi dell’epoca di Verdi immergono i visitatori nel mito del sommo musicista. Gli interni di Villa Pallavicino, trasformati in magnifici ambienti verdiani dal celebre regista e scenografo Pier Luigi Pizzi, sono il teatro di una grande illusione: quella di un viaggio a ritroso nel tempo, di un possibile incontro con Verdi nell’Ottocento romantico.

Mariano Volani, industriale trentino da sempre appassionato d’opera, è ideatore e presidente del Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto. Fin dall’inaugurazione, avvenuta il 10 ottobre 2009, Volani si è impegnato perché Villa Pallavicino fosse sede di concerti, opere e appuntamenti culturali pressoché quotidiani. Fra gli obiettivi vi è quello di realizzare a Busseto per Verdi ciò che Salisburgo e Bayreuth hanno realizzato per Mozart e Wagner. A Roncole di Busseto, infatti, è nato Giuseppe Verdi nel 1813: in vista del bicentenario verdiano del 2013, il Museo di Villa Pallavicino ha già messo in campo una ricca serie di iniziative in grado di attrarre melomani e turisti a caccia di emozioni.

Oltre alla visita del Museo, è quindi possibile assistere regolarmente a recital di star dell’opera, a concerti di giovani talenti, a travolgenti serate con complessi corali specializzati nel repertorio di Verdi, a dirette via satellite di prestigiose produzioni liriche dai maggiori teatri europei, a conferenze di noti giornalisti, a masterclass con artisti di fama internazionale, a spettacoli di burattini “verdiani” e a irresistibili degustazioni delle specialità enogastronomiche parmensi.

Il 16 aprile, nell’elegante Sala della Musica del Museo Giuseppe Verdi di Busseto, verrà trasmessa la diretta via satellite dell’Entführung aus dem Serail di Mozart dal Liceu di Barcellona, direttore d’orchestra Ivor Bolton (ore 20). Il 29 aprile sarà la volta di un’altra importante diretta: il Simon Boccanegra di Verdi dalla Scala di Milano, con direzione di Daniel Barenboim (ore 20).

Il 14 maggio, alle ore 20.30, recital del soprano russo Ljuba Kazarnoskaja, applaudita nei maggiori teatri del mondo fra cui il Metropolitan di New York: in programma arie di Verdi, Puccini e Bizet per un concerto dal titolo “Les femmes fatales”.

Il 22 maggio, alle ore 17, l’ottetto di fiati Fabio Neri eseguirà raffinate trascrizioni da temi d’opera verdiani, con squisito party al termine del concerto. Il 26 maggio, dalla Scala di Milano, verrà trasmessa la diretta via satellite del Rheingold di Wagner, sempre per la bacchetta di Daniel Barenboim (ore 20).

Da non perdere, il 29 maggio, il concerto di uno dei più acclamati tenori italiani, il genovese Francesco Meli, che a soli trent’anni è già divo della Scala di Milano, dell’Opera di Vienna e del Regio di Parma; con la moglie Serena Gamberoni, affermato soprano, Meli terrà un concerto di arie e duetti dalle opere di Donizetti, Verdi e Puccini (ore 20.30).

Il 13 giugno evento speciale con il recital del pianista Stefano Bollani, uno dei più quotati jazzisti italiani, che proporrà un inedito omaggio a Verdi attraverso sensazionali contaminazioni contemporanee (ore 17).

Dal 14 al 20 giugno si svolgerà a Villa Pallavicino la masterclass di Ljuba Kazarnovskaja ed Enrico Stinchelli, noto giornalista musicale e conduttore del programma La Barcaccia su RadioTre. Questo ciclo di incontri e performance, dedicato all’opera russa e al belcanto italiano, verterà sulle interpretazioni del repertorio lirico da Musorgskij a Prokof’ev, da Verdi a Puccini.

Il 26 giugno, alle ore 20.30, concerto del soprano Margriet Buchberger e del baritono Paolo Coni dal titolo “Mozart incontra Verdi”. Gli artisti, entrambi in carriera nei maggiori teatri d’opera italiani e stranieri, canteranno alcune delle più belle arie dal Don Giovanni, dalle Nozze di Figaro e dall’Idomeno di Mozart, dalla Traviata e dal Don Carlo di Verdi.

Info Museo Nazionale Giuseppe Verdi, Viale Ziliani 1 – 43100 Busseto (Parma) T +39.0524.931002 F +39.0524.930556 E info@museogiuseppeverdi.it W www.museogiuseppeverdi.it

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Aprile 16th, 2010 at 1:15 am