CA’ LUOGO D’ARTE A PAVIA

nessun commento

DURA CROSTA AL FESTIVAL SEGNALI DI PAVIA

“SEGNALI” XXI edizione
MERCOLEDÌ 12 MAGGIO ORE 17,30
Cortile palazzo Vittadini
PAVIA

CA’ LUOGO D’ARTE
presenta

“DURA CROSTA”
testo di Marina Allegri
regia di Maurizio Bercini
con
Alberto Branca
Massimiliano Grazioli
Zeno Bercini

La crosta è ciò che dà forma al pane, lo definisce, lo caratterizza; fatta la crosta è pronto per essere mangiato.
Il pane….La cosa più preziosa che la natura ci regala, metafora di una scelta di vita semplice, “primaria”.
Scelta che nello spettacolo compiono un giovane imprenditore e il suo capo-officina, rinunciando agli orpelli di una vita complicata e trasformandosi in poveri frati francescani, in cammino per impastare il pane in giro per il mondo…
Senonché il primo pane che fanno si materializza, nella loro madia magica, in un adolescente ribello: Zeno.
Zeno non vuole “fare la crosta”.
Non vuole prendere una forma, quella definitiva.
Non vuole la “dura crosta”.
E scappa…

Quando torna è pronto, pronto per diventare un adulto definito.
Prima però vuole dire la sua: inscena un breve spettacolo di burattini facendo scegliere a Cappuccetto rosso la strada più pericolosa, sì, ma piena di sorprese e di imprevisti.
Bastava quello, bastava lasciarlo andare, bastava dargli ancora per un po’ il suo tempo.
Perché, come il pane che lievita, aveva bisogno di tempo, pazienza, cura e rispetto.
Volevamo parlare di una scelta di vita, di adolescenti, di pane.
Volevamo parlare di noi…

Marina Allegri per Cà Luogo d’Arte tutta.

Cosa dice la critica:
Mario Bianchi – Eolo

In“Dura Crosta” di Cà luogo d’arte nello stile riconoscibilissimo di Maurizio Bercini, su uno dei testi più fervidi di Marina Allegri, il pane diventa la metafora della crescita.
Alberto Branca e Massimiliano Grazioli in un omaggio dichiarato al teatro di una volta che rimanda ai fratelli De Rege e a Totò e Peppino, muniti di una macchina dai mille accenti e dalle mille sorprese, impastano tra lezzi frizzi e lazzi il pane che miracolosamente prenderà le forme di Zeno Bercini, virgulto che come il pane sta mettendo crosta.
Un cucciolo d’uomo ancora di mollica che ribaltando i ruoli farà una volta tanto la morale agli adulti dicendo loro che l’infanzia come il pane ha bisogno dei suoi tempi giusti.
Lo spettacolo risulta così essere un intelligente ed inusitato spettacolo di formazione che diverte e ammaestra senza retorica, come deve fare il buon teatro per ragazzi.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

12 Maggio, 2010 at 7:02 am

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -