SUDAN, INFURIANO GLI SCONTRI IN DARFUR MIGLIAIA DI PERSONE IN FUGA

nessun commento

MSF garantisce immediata assistenza medica d’emergenza

Roma/Khartoum, 7 febbraio 2011 – Negli ultimi due mesi, i nuovi scontri nello stato del Nord Darfur tra il governo e i gruppi di opposizione, hanno costretto
migliaia di famiglie a fuggire di propri villaggi. Medici Senza Frontiere (MSF) sta ora fornendo assistenza medico-umanitaria ai nuovi sfollati che vivono in condizioni precarie in molti campi a Shangil Tobaya, Dar Alsalam e Tabit.

Le persone sono fuggite all’improvviso con nulla salvo i propri vestiti. Inizialmente hanno realizzato dei ripari di fortuna con vestiti e erba, per proteggersi dalle notti gelide. MSF sta fornendo coperture di plastica, coperte, stuoie, sapone e taniche in modo tale che le persone possano far fronte ai propri bisogni primari”, racconta Cristina Falconi, capo missione di MSF in Sudan. “Ora che tutti gli occhi sono puntati sul referendum in Sud Sudan, non dobbiamo dimenticare che ci sono urgenti bisogni medici in Darfur”.

Dieci giorni fa, in seguito agli scontri nell’area di Tabit, MSF ha distribuito generi di prima necessità a più di 500 famiglie che avevano cercato rifugio nella vicina località di Jerno. Questi scontri sono gli ultimi di una serie conflitti che sono iniziati pesantemente a metà dicembre a Shangil Tobaya. Durante le ostilità, l’ospedale del Ministero della Salute, supportato da MSF, si è trovato al centro degli scontri e pazienti e staff sono stati costretti a fuggire. A seguito di questo incidente, circa 7.000 nuovi sfollati si sono riversati nei campi vicino la città di Shangil Tobaya.

Alcuni giorni dopo gli episodi di Shangil Tobaya, MSF è riuscita a fornire una risposta medica all’emergenza nei campi, aiutando i nuovi sfollati a far fronte ai bisogni immediati. E’ stata allestita una nuova clinica in uno dei campi, dove si stanno attualmente effettuando 100 visite ambulatoriali al giorno. MSF ha anche distribuito cibo altamente proteico a circa 4.000 bambini sotto i 5 anni di età. Ulteriori bisogni vengono soddisfatti da altre organizzazioni presenti nella zona.

MSF sta anche supportando una campagna di vaccinazione promossa dall’UNICEF e dal Ministero della Salute rivolta a 3.000 bambini e a 200 donne in gravidanza a Shangil Tobaya e nei dintorni.

Altrove, nel Sud Darfur, alcuni scontri avvenuti all’inizio di dicembre, hanno costretto alla fuga altre famiglie. Attualmente, una équipe di MSF sta concludendo
una valutazione per determinare i bisogni più urgenti di centinaia di famiglie sfollate nella località di Shaeria. MSF sta inoltre aprendo un programma nutrizionale in collaborazione con il Ministero della Salute per affrontare i gravi livelli di malnutrizione delle persone che soffrono per le continue violenze e lo scarso accesso alle cure mediche.

MSF continua a fornire cure mediche di base e di secondo livello in Darfur, assistenza materno-infantile compresa, e a fornire supporto psicologico a Kaguro, Dar Zaghawa, Tawila and Shangil Tobaya.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Febbraio 8th, 2011 at 1:30 am

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -