REATO CLANDESTINITA’: EVERYONE, BENE BOCCIATURA DA CORTE UE

nessun commento

Dichiarazione dei Co-Presidenti del Gruppo EveryOne, organizzazione internazionale per i diritti umani, Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau:

“Ci siamo battuti a lungo, con tutte le nostre forze, contro la legge n. 94 del 7 luglio 2009, che introduceva nell’ordinamento giuridico italiano il ‘reato di clandestinità’. Ci ha sorpresi, durante le nostre azioni contro tale aberrazione giuridica, il senso di accettazione, di indifferenza da parte di quasi tutti gli italiani – giuristi, avvocati, attivisti, giornalisti, intellettuali, personaggi pubblici – verso una figura di reato che si poneva in antitesi con i valori democratici e costituzionali dell’Unione europea, nonché i fondamenti etici e morali della civiltà. Ora la Corte di Giustizia dell’Ue, ai cui magistrati inviammo già nell’estate 2009 un nutrito dossier, spiegando la natura antidemocratica e discriminatoria della norma, in base alla sentenza impugnata da un cittadino straniero condannato al carcere in base alla stessa, bocca il ‘reato di clandestinità’. Si tratta, per tutti noi attivisti che ogni giorno lottiamo fianco a fianco alle minoranze sociali come profughi e immigrati irregolari, di un grande risultato che ci risolleva e fa sì che migliaia di persone bisognose o perseguitate possano tornare a sperare in un futuro migliore”.

Per ulteriori informazioni: Gruppo EveryOne   +39 393 4010237 :: +39 331 3585406

info@everyonegroup.com :  : www.everyonegroup.com

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

aprile 28th, 2011 at 5:41 pm

Pubblicato in Notizie

Tagged with

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -