I DUB PISTOLS, band inglese di big beat + ECHO:MET e AERA DUB

nessun commento

Dub PistolsVenerdì 8 febbraio al circolo Arci Fuori Orario di Taneto, ore 22.30

È inglese la band che venerdì 8 febbraio 2013 irrompe al circolo Arci Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Reggio Emilia): i Dub Pistols, che da 17 anni sintetizzano in modo personale generi musicali diversi come rock, elettronica, ska, dub, punk, drum’n’bass e soprattutto big beat. Guidati da Barry Ashworth e ricercati dai festival e party di tutta Europa, propongono il nuovo disco «Worshipping the dollar». Il loro concerto inizia alle ore 23.30, preceduto alle 22.30 da Echo:Met e Aera Dub, un progetto di nuove evoluzioni della musica elettronica, sperimentazione e dj set nato a Reggio Emilia dalla collaborazione tra Marco Marastoni e Andrea Triani.

L’ingresso, a 12 euro con una consumazione inclusa, è riservato ai soci Arci. Il Fuori Orario apre alle ore 20, con aperitivo-buffet fino alle 21.30, gratuito per tutti e accompagnato dal dj set tech-house di Luca Coppola. Sempre alle 20, apertura del punto ristoro (prenotazioni allo 0522-671970 o 346-6053342). Dopo il concerto, tre i dj set: nell’area spettacoli, Dj Robby & Pipitone in «Dirty», rock’n’roll; nell’area binari, Dj Puccione in «Fermentitaliani», italian style; nell’area stazione, Dj Davidino in R&B, house e dance. Info www.arcifuori.it.

In arrivo da Londra, i Dub Pistols si presentano nella loro miglior formazione, con le voci di Barry Ashworth (leader, producer e dj), Mc Sirreal e Dan Bowskills, il basso di Dave Budgen, la batteria di Jack Cowens, la chitarra di Andreas Jensen e i corni di Tim Hutton e Tom Bone. La storia dei Dub Pistols è affascinante fin dalla prima uscita discografica «There is gonna be a riot», nel 1996. I loro live show continuano a creare clamore e «caos» e a costruire un sèguito in tutto il mondo con tour incessanti. Dal big beat iniziale, cavalcato dalla scena londinese di metà anni ’90, sono passati a una commistione tra reggae e punk, loro vero trampolino di lancio.

Barry Ashworth proveniva dall’esperienza con i Deja Vu, con i quali aveva prodotto l’hit «Why why why», e amava i Clash e gli Specials. I primi singoli pubblicati dai Dub Pistols sono stati «… Riot», «Ciclone» e «Westway» e ben presto la band si è trasferita negli Stati Uniti per onorare la firma di un contratto discografico. L’album di debutto «Point blank» è uscito nel 1998, dopodiché Barry e il suo collega Jason hanno remixato artisti del calibro di Moby, Ian Brown e alcune tracce scelte per la colonna sonora di giochi per Play Station come «Blade 2» con Busta Rhymes. Al secondo album «Six million ways to live» e al terzo «Speackers & Tweeter» ha partecipato l’ex Specials Terry Hall. E i Dub Pistols non si sono più fermati, lavorando con leggende dell’hip-hop britannico e l’italiano Bunna degli Africa Unite.

Ogni venerdì sera e sabato sera, il Fuori Orario è raggiungibile da Reggio Emilia e dintorni grazie anche al Discobus, il servizio di autobus notturno che, garantito dalla Provincia di Reggio, consente ai giovani (e ai meno giovani) di divertirsi viaggiando in sicurezza. Il biglietto, acquistabile a bordo, viene interamente rimborsato dal Fuori Orario all’atto della prima consumazione. Per tutti i tragitti di andata-ritorno e ulteriori informazioni e novità, visitare il sito www.arcifuori.it.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Febbraio 8th, 2013 at 9:15 am

Pubblicato in Notizie

Tagged with

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -