Manifestazione “SensofWine” nel palazzo del Governatore, relazione del Sommelier Roberto DELFI

nessun commento

Sommelier Roberto DELFI

Sommelier Roberto DELFI

Manifestazione nel palazzo del Governatore, per la manifestazione enogastonomica “SensofWine” del 16-17 marzo 2013,  in piazza  Garibaldi a Parma, bello e austero, dove si sono dati appuntamento, per due giorni di degustazioni e assaggi, vignaioli emiliani e romagnoli, produttori di salumi, cioccolato, formaggio ed altro per allietare il palato dei visitatori.

Il metodo classico Pas-Dosè “Nebbia e Sabbia” del podere crocetta da fortana, vinificato in bianco, 36 mesi sui lieviti, bocca acida e buona sapidità, note di frutta e fiori fragranti, bollicine numerose, fini e persistenti.

Belle noti floreali di viola mammola e glicine nella sua fortana ferma dal bel colore porpora.

Da Monte delle Vigne i classici “Nabucco” del millesimo 2010: note avvolgenti di frutta matura, speziato, note balsamiche, il tannino deve ancora essere levigato per dare la piena rotondità al vino e la completa armonia.

 

Callas” malvasia in purezza del 2010 da aspettare per qualche tempo per assaporarne la sua piene evoluzione.

 Malvasia ferma del 2011 di Lamoretti, classica malvasia dal naso intenso di salvia, rosmarino, menta, bocca sapida e fresca, con un meraviglioso finale di mandorla che la rende avvolgente ed intrigante.

Dallo stesso produttore “Vino del Campo” da bonarda passita: opulenza di frutti rossi maturi, marmellatoso, cassis e nota finale di boero, giustamente tannico da abbinare ad un cioccolatino, magari dei bravi produttori parmigiani “Cioccolato Bacchini”.

Restando in provincia di Parma, degustiamo, dal produttore Dall’Asta, “Veleno di donna” da uve malvasia botritizzate dal bel colore giallo ambrato, brillante, naso avvolgente: note di colla villinica, buccia di arancio e pompelmo candita, fichi secchi, in bocca fresco, dolce ma non stucchevole.

Ci spostiamo in provincia di Reggio Emilia dove troviamo, a Scandiano Casali Viticoltori con la sua spergola ferma del 2011: calda, secca, sentori vegetali di asparago selvatico, fruttato di ananas maturo, morbido ed avvolgente.

 Sempre restando nella stessa provincia, precisamente a Montecchio Emilia, Storchi produttore di lambrusco e vino da uve internazionali, degustiamo una vera delizia per il palato: “Neroduva” 2007 da Malbo gentile e Lancellotta passiti, rosso granato, intenso, mora, ribes maturi, macerati, fiori appassiti, pepe nero, scatola di sigari, cuoio, lungamente persistente, avvolgente con una importante nota alcolica, vino da meditazione. Amarone del fiume Enza.

Ci spostiamo in provincia di Piacenza e precisamente a Bacedasco, dove, l’ Azienda Loschi Enrico propone un metodo Martinotti di 2 mesi da uve ortrugo e marsannè in versione dry, morbido e fragrante, dove il residuo zuccherino si amalgama egregiamente alla vivacità del vino.

la stessa cantina propone “Arte Contadina” vendemmia tardiva da uve malvasia , anno in degustazione il 2009: giustamente dolce, non stucchevole, buona la sapidità ed emerge una giusta nota mandorlata finale

                                                                            Sommelier

Roberto DELFI

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

marzo 27th, 2013 at 1:23 pm

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -