I MA NOI NO in «Tributo ai Nomadi», concerto con BEPPE CARLETTI, leader dei Nomadi, e presentazione del nuovo tastierista: utili della serata devoluti alla onlus Grade (ingresso senza tessera Arci)

nessun commento

 

Ma_Noi_No_al_Fuori_OrarioVenerdì 11 marzo al Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Re), ore 22

Beppe Carletti, leader dei Nomadi, è l’ospite speciale dei Ma Noi No nel concerto di «Tributo ai Nomadi» venerdì 11 marzo 2016 alle ore 22 al Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Reggio Emilia). Gli utili della serata vengono devoluti in beneficenza alla Fondazione Grade onlus di Reggio Emilia e nell’occasione, dopo due mesi di pausa, i Ma Noi No presentano il loro nuovo tastierista. In 12 anni questa cover band reggiano-parmigiana, riconosciuta ufficialmente dai Nomadi, conta 700 concerti, 100 canzoni in repertorio e 8 album con vari inediti. Lo show è incentrato soprattutto sui brani dell’epopea di Augusto Daolio (1963-1992), senza però tralasciare i pezzi più significativi dell’ultimo periodo nomade: da «Io vagabondo» a «Io voglio vivere», da «Canzone per un’amica» a «Sangue al cuore», da «Dio è morto» a «Dove si va».

Ingresso a 12 euro con una consumazione inclusa oppure a 20 euro con cena (su prenotazione), comunque senza l’obbligo della tessera Arci. Dopo il concerto, dj set di Tano con selezione musicale anni ’80. Il Fuori Orario apre alle ore 20, insieme al punto ristoro (per la cena prenotare allo 0522-671970). Info www.arcifuori.it.

Beppe Carletti ha fondato i Nomadi insieme ad Augusto Daolio nel 1963 e da allora è stato il tastierista, compositore e unico membro stabile della formazione fino a oggi. Da sempre è impegnato in iniziative umanitarie: nel 2012 è stato uno dei principali promotori del «Concerto per l’Emilia», spettacolo di beneficenza con numerosi artisti organizzato a sèguito dei terremoti che hanno colpito la regione.

I Ma Noi No sono nati nel 2003 tra le pianure di Novellara e Reggio Emilia, con le stesse radici musicali e culturali dei Nomadi. Una vicinanza territoriale e valoriale che ha reso i Ma Noi No non una semplice «tribute band», ma un punto di continuità tra il passato e il futuro della storia dei Nomadi, con un riferimento fondamentale: la figura di artista completo di Augusto Daolio. Per dirla con una sua frase storica, «Ieri impegna l’oggi nel domani». La band è composta da Paolo Montanari da Novellara, voce dal timbro caldo e caratteristico, Cristian Rotondella da Reggio alla batteria, Jimmy Scaffardi da Parma al basso, Pierpaolo Bacchi da Brescello alle chitarre e un nuovo tastierista al posto di Gianluca Tagliavini, da svelare al Fuori Orario.

Inoltre, i Ma Noi No vantano collaborazioni con musicisti come Juan Carlos «Flaco» Biondini, chitarrista di Guccini, Lorenzo Campani, finalista del talent televisivo «The Voice of Italy», e Matteo Setti del musical «Notre-Dame de Paris» di Cocciante. Va sottolineato il concerto del 30 maggio 2009 a Maresso di Missaglia, in provincia di Lecco, dove i Ma Noi No sono stati chiamati per sostituire i Nomadi.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

marzo 11th, 2016 at 1:15 am

Pubblicato in Notizie

Tagged with