Festival Serassi

nessun commento

123456)Domenica 18 settembre, ore 18, prosegue il Festival Serassi nella magnifica cornice di San Liborio a Colorno. La prima data ha visto la chiesa gremita di appassionati, segno che nomi di alto livello abbinati a programmi raffinati, sono ancora di interesse per il pubblico. La seconda data vedrà come interprete un musicista milanese di rara bravura, Davide Pozzi. Organista e cembalista che ha suonato in tutto il mondo che ha al proprio attivo vari premi e riconoscimenti. Pozzi eseguirà per intero al cembalo le Variazioni Goldberg. Questo sono un’opera per clavicembalo consistente in un’aria con trenta variazioni, composte da Johann Sebastian Bach fra il 1741 e il 1745 e pubblicate a Norimberga dall’editore Balthasar Schmid. Sono dedicate a Johann Gottlieb Goldberg, a quel tempo in servizio come maestro di cappella presso il conte von Brühl a Dresda. L’opera è stata concepita come un’architettura modulare di 32 brani, disposti seguendo schemi matematici e simmetrie che le conferiscono tanta coesione e continuità da non avere eguali nella storia della musica. Insieme all’Arte della fuga può essere considerata il vertice delle sperimentazioni di Bach nella creazione di musica per strumenti a tastiera, sia dal punto di vista tecnico-esecutivo, sia per lo stile che combina insieme ricerche di alto livello musicali e matematiche. Sebbene in passato le Variazioni Goldberg fossero considerate soltanto un esercizio tecnico piuttosto ripetitivo, nel XX secolo il contenuto emotivo e la portata dell’intera composizione sono stati ampiamente valorizzati, anche grazie ad analisi critiche e tecniche piuttosto estese. Le Variazioni Goldberg offrono il migliore esempio di una musica concepita per la ricreazione di uno spirito competente ed esigente.

 

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

settembre 18th, 2016 at 7:55 am