Archive for the ‘MSF’ tag

Medici Senza Frontiere, “Questo Natale, segui il consiglio del medico”

without comments

Medici Senza Frontiere, "Questo Natale, segui il consiglio del medico"

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Novembre 27th, 2016 at 6:30 pm

SIRIA, RAPPORTO MSF: Civili e ospedali sotto attacco, 1 su 3 vittime sono donne o bambini

without comments

Medici senza Frontiere onlusCari tutti,

in una conferenza stampa oggi a Ginevra, la presidente internazionale MSF Joanne Liu ha dato dettagli sull’attacco contro l’ospedale di Maarat al-Numan e ha diffuso un nuovo rapporto sui morti e feriti di guerra nelle strutture sanitarie supportate da MSF in Siria nel 2015.

I numeri sono sconcertanti: 63 strutture sono state attaccate 94 volte, 12 sono state completamente distrutte, 23 medici sono stati uccisi e 58 feriti. Solo nelle 70 strutture monitorate nel rapporto, sono 154.647 i feriti e 7.009 le vittime di guerra, di cui il 30-40% donne e bambini, chiaro indicatore dell’impatto del conflitto sui civili. Ed è solo una fotografia parziale di quanto accade nel resto del paese, dove il bilancio è certamente più grave.

Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Febbraio 23rd, 2016 at 7:49 pm

Aggiornamento Siria: Almeno sette morti nell’attacco all’ospedale, altri otto mancano all’appello

without comments

Medici senza Frontiere onlusSIRIA: Almeno sette morti nell’attacco all’ospedale supportato da MSF,
altri otto mancano all’appello

 

The MSF-supported hospital in Ma’arat Al Numan was attacked and destroyed on Monday 15th Feb. At least seven people were killed, and at least eight are missing, presumed dead. The 30-bed hospital had 54 staff, two operating theatres, an outpatient department and an emergency room. The outpatient department treated around 1500 people a month, the ER carried out an average of 1,100 consultations a month, and around 140 operations a month, mainly orthopaedic and general surgery, were carried out in the operating theatres. MSF has been supporting this hospital since September 2015 and covered all the needs of the facility including provision of medical supplies and running costs.

The MSF-supported hospital in Ma’arat Al Numan was attacked and destroyed on Monday 15th Feb. At least seven people were killed, and at least eight are missing, presumed dead.
The 30-bed hospital had 54 staff, two operating theatres, an outpatient department and an emergency room. The outpatient department treated around 1500 people a month, the ER carried out an average of 1,100 consultations a month, and around 140 operations a month, mainly orthopaedic and general surgery, were carried out in the operating theatres.
MSF has been supporting this hospital since September 2015 and covered all the needs of the facility including provision of medical supplies and running costs.

Gaziantep/Roma, 15 febbraio 2016Almeno sette persone sono state uccise e almeno altre otto mancano ancora all’appello e si presume siano morte, dopo che un ospedale supportato da Medici Senza Frontiere (MSF) nella provincia di Idlib, in Siria settentrionale, è stato distrutto da un attacco questa mattina.

L’ospedale di Ma’arat Al Numan è stato colpito da quattro missili in due attacchi a pochi minuti di distanza l’uno dall’altro, secondo la testimonianza dello staff dell’ospedale. Tra le vittime ci sono cinque pazienti, un familiare e un guardiano dell’ospedale, mentre otto membri dello staff mancano all’appello e si presume siano rimasti uccisi. Anche di altri pazienti non si hanno notizie ma al momento non se ne conosce il numero. Nell’area sono state colpite anche altre 15 case e strutture situate in zone densamente popolate, tra cui sembra esserci un altro ospedale non supportato da MSF.

 “La distruzione dell’ospedale supportato da MSF sembra essere un attacco deliberato contro una struttura sanitaria” denuncia Massimiliano Rebaudengo, capomissione di MSF. “La distruzione dell’ospedale lascia una popolazione locale di circa 40.000 persone senza alcun accesso all’assistenza medica in una zona in pieno conflitto.”

L’ospedale di Ma’arat Al Numan, da 30 posti letto, aveva due sale operatorie, un ambulatorio e un pronto soccorso e vi lavoravano 54 persone. L’ambulatorio visitava circa 1.500 persone al mese, al pronto soccorso erano registrati una media di 1.100 ingressi al mese, mentre nelle sale operatorie erano effettuate circa 140 operazioni al mese, principalmente di chirurgia ortopedica e generale.

MSF supportava l’ospedale dal settembre 2015, coprendo tutte le esigenze della struttura, compresa la fornitura di materiale sanitario e i costi di gestione.

Nel dicembre 2015, si era reso necessario il trasferimento dell’ospedale dalla posizione che occupava in precedenza a quella attuale a causa di tre attacchi subiti. MSF aveva sostenuto il rifacimento della struttura.

Sempre stamattina si sono intensificati i combattimenti anche nel distretto di Azaz, a circa 100 km di distanza da Ma’arat Al Numan, con attacchi contro altri ospedali non supportati da MSF. Un ospedale materno infantile (non supportato da MSF) bombardato nella città di Azaz sta organizzando il trasferimento della sua sala operatoria pediatrica presso l’ospedale di Al Salamah di MSF, che ha già ricevuto 10 feriti di guerra.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

Febbraio 16th, 2016 at 1:15 am

SIRIA: sistema sanitario al collasso nel distretto di Azaz devastato dalla guerra

without comments

Medici senza frontiere, 40 anni di azione umanitaria indipendente

Al confine turco-siriano crisi umanitaria per decine di migliaia in fuga

 Gaziantep (Turchia)/Roma, 10 febbraio 2016 – Mentre i pesanti combattimenti nel distretto di Azaz, in Siria settentrionale, causano lo sfollamento di altre decine di migliaia di persone, il già devastato sistema sanitario è vicino al collasso e ogni intensificarsi dei combattimenti renderà ancora più grave la crisi umanitaria in atto nell’area. È l’allarme lanciato oggi da Medici Senza Frontiere (MSF).

Le ultime stime parlano di 30.000 nuovi arrivi nelle aree al confine con la Turchia, dove sempre più persone stanno cercando riparo. La maggior parte di loro vive al di fuori dei campi rifugiati esistenti, che ospitano già decine di migliaia di persone sfollate in precedenza a causa del conflitto. Nel frattempo, i combattimenti continuano a colpire un sistema sanitario già devastato: nelle ultime due settimane diversi ospedali e piccoli centri sanitari hanno subito bombardamenti aerei ad Azaz e nelle aree rurali intorno ad Aleppo, tra cui almeno tre ospedali supportati da MSF.

Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Febbraio 11th, 2016 at 1:15 am

Libia, Medici Senza Frontiere chiede il rispetto delle strutture mediche a Sirte

without comments

Misurata/Roma – L’organizzazione internazionale medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) fa appello oggi a tutte le parti in Libia per chiedere di fermare immediatamente gli attacchi e le intrusioni nelle strutture mediche della città di Sirte. Tutti i pazienti feriti devono avere accesso all’assistenza e essere nelle condizioni di ricevere le cure necessarie senza discriminazioni e senza paura di rappresaglie.

L’ospedale Ibn Sina di Sirte ha sostenuto il peso maggiore dei combattimenti. La scorsa settimana, le équipe di MSF basate a Misurata sono riuscite a raggiungere Sirte per valutare i danni subiti dall’ospedale.

“L’ospedale Ibn Sina è stato attaccato”, dichiara Barbara Frederick, coordinatrice per l’emergenza. “Un’esplosione ha distrutto una sala operatoria e la maggior parte delle finestre sono state danneggiate. Come conseguenza degli scontri della scorsa settimana, i pazienti sono stati spostati nell’ingresso”.
Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Ottobre 20th, 2011 at 1:30 am

“Fame di denuncia: perché il cibo non basta”

without comments

Medici Senza Frontiere organizza un dibattito in Senato sulla malnutrizione
Aula della Commissione Difesa, via degli Staderari, 4 – Giovedì 13 ottobre alle 14.30

In occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione che ci celebra domenica 16 ottobre, è in programma un incontro sul tema della malnutrizione dal titolo “Fame di denuncia: perché il cibo non basta”, promosso da Medici Senza Frontiere in collaborazione con la Commissione Straordinaria Diritti Umani del Senato e la Comunità di Sant’Egidio/Progetto Dream.

Intervengono:
– Sen. Massimo Livi Bacci, Commissione per la Promozione e la Tutela dei Diritti Umani del Senato
– Unni Karunakara, Presidente di Medici Senza Frontiere Internazionale
– Michelangelo Bartolo, Coordinatore Progetto Dream Comunità di Sant’Egidio
– Amir Mahmoud Abdulla, Deputy Executive Director WFP
– Florence Egal, Nutrition Division FAO
– Stefano Taliani, Ministero Affari Esteri,  Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo
Modera:
Francesco Marabotto, Caporedattore Agenzia ANSA – Settore Sanità
Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Ottobre 13th, 2011 at 1:15 am

Medici Senza Frontiere: Lotta alla malnutrizione: a Roma il “Centro nutrizione” di MSF (presentazione: lunedì 10 ore 11.30) in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione

without comments

Giornata Mondiale dell’Alimentazione (16 ottobre)
Lotta alla malnutrizione: a Roma il “Centro nutrizione” di MSF
In occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione che ci celebra domenica 16 ottobre, Medici Senza Frontiere (MSF) porta a Roma l’iniziativa: “Un Centro nutrizione in città – Quando il cibo non basta”
Presentazione : Lunedì 10 ottobre ore 11:30 presso il “Centro Nutrizione” (Giardini Nicola Calipari) Piazza Vittorio Emanuele II, Roma

Nel cuore di Roma, in Piazza Vittorio Emanuele II   (Giardini Nicola Calipari), MSF allestisce  dal 10 al 17 ottobre un vero e proprio Centro nutrizione, simile a quelli che MSF utilizza nei contesti in cui opera. Con il progetto “Un Centro nutrizione in città – Quando il cibo non basta”  l’organizzazione, che quest’anno compie 40 anni di vita, punta a sensibilizzare l’opinione pubblica – a cominciare dagli studenti delle scuole secondarie di secondo livello – sulla malnutrizione e sulle nuove strategie di cura per combattere un male che ogni anno colpisce 195 milioni di bambini.

Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Ottobre 10th, 2011 at 1:15 am

Medici Senza Frontiere al Festival “Internazionale a Ferrara” 30 settembre, 1 e 2 ottobre 2011

without comments

Dibattiti, mostre fotografiche, libri per il 40° anniversario di MSF

Roma, 23 settembre 2011 – Medici Senza Frontiere (MSF) per il terzo anno partecipa in qualità di partner al Festival “Internazionale a Ferrara” (da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre), organizzato dalla rivista Internazionale e dal Comune di Ferrara. L’edizione di quest’anno coincide con il quarantesimo anniversario della fondazione di MSF (1971-2011) . Per questa ragione MSF, oltre a numerosi dibattiti e incontri di alto livello sull’azione umanitaria, propone una  sezione “Speciale 40 anni” con un “Centro Nutrizione in città” e la mostra fotografica che ripercorre i 40 anni di storia dell’organizzazione.  Nel “Centro Nutrizione”, struttura di 90 metri quadrati ispirata a quelle utilizzate nelle proprie missioni, i visitatori possono toccare con mano il problema della malnutrizione infantile, con il supporto degli operatori umanitari e di alcuni video realizzati dall’Agenzia VII Photo, parte della campagna di MSF “Starved for Attention – quando il cibo non basta”.

“Quest’anno è particolarmente significativo essere presenti al Festival di Internazionale a Ferrara,  una cornice di enorme sensibilità e confronto verso tutto ciò che accade negli angoli più remoti del mondo. Una nuova occasione per riflettere sulle complesse dinamiche dell’azione umanitaria che affrontiamo quotidianamente da oltre 40 anni attraverso dibattiti che vanno dall’Afghanistan a Lampedusa; mostre fotografiche che ci raccontano le condizioni di vita all’interno del più grande campo rifugiati al mondo e quelle di chi è costretto a vivere nelle bidonville; presentazioni per conoscere chi sono gli operatori di MSF al di là della retorica e iniziative per sostenere l’organizzazione come l’asta di opere prodotte da illustratori internazionali. Per l’occasione abbiamo portato a Ferrara l’iniziativa “Un centro nutrizione in città: quando il cibo non basta” per mostrare come la malnutrizione oggi si possa sconfiggere.”,  dichiara Sergio Cecchini, Direttore della Comunicazione di MSF Italia.
Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Settembre 30th, 2011 at 1:20 am

Yemen: Medici Senza Frontiere sospende le proprie attività mediche nel governatorato di Saada

without comments

L’organizzazione ha dovuto interrompere il lavoro negli ospedali di Al Talh e Razeh, a seguito delle nuove regole imposte dalle autorità locali per le attività umanitarie nella regione.

Sana’a/Roma, 29 settembre 2011 – L’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) ha dovuto sospendere le proprie attività nel governatorato di Saada il giorno 26 settembre.

Il 15 settembre scorso, il Consiglio Esecutivo che si occupa degli affari umanitari a Saada ha annunciato le nuove condizioni che tutte le organizzazioni umanitarie e non governative devono rispettare per lavorare nella regione. Queste condizioni includono, tra le altre, l’interruzione di qualsiasi valutazione indipendente dei bisogni medici all’interno del governatorato, la messa al bando delle attività di supervisione da parte del personale internazionale e l’obbligo di rimpiazzare il personale del Ministero della Salute che lavora con MSF con personale proposto dal Consiglio Esecutivo.

Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Settembre 29th, 2011 at 6:19 pm

Medici Senza Frontiere – LIBIA: Tripoli, centinaia di migranti bloccati hanno bisogno di assistenza e protezione – In arrivo un’imbarcazione con 10 tonnellate di materiale medico e logistico di MSF

without comments

Tripoli/Roma 30 agosto 2011 – Centinaia di migranti e rifugiati a Tripoli vivono in condizioni terribili, senza adeguata assistenza medica e senza alcuna sicurezza. L’organizzazione internazionale medico-umanitaria Medici Senza frontiere (MSF) ha iniziato a fornire assistenza sanitaria di base a due comunità di sfollati di origine straniera che hanno bisogno di urgente protezione e assistenza.

Una comunità di circa 1000 rifugiati e migranti vive all’interno e nei pressi di alcune imbarcazioni presenti in una base militare abbandonata a Tripoli, mentre un altro gruppo di 200 persone ha trovato rifugio in una fattoria da quando sono scoppiati i combattimenti nella zona sud di Tripoli.

“Molte di queste persone erano già fuggite dai combattimenti nei loro paesi d’origine, come la Somalia, il Sudan e altri paesi africani”, dichiara Simon Burroughs, coordinatore dell’emergenza per MSF a Tripoli. “Alcune persone sono venute in questi campi di fortuna per trovare un modo per raggiungere l’Europa in barca, mentre altre ci sono venute per cercare rifugio e fuggire dai combattimenti in corso a Tripoli. Ma sono tutti intrappolati senza un posto in cui andare”.
Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Agosto 30th, 2011 at 9:14 pm

Bahrein, MSF condanna l’assalto al proprio ufficio e la detenzione di un membro dello staff

without comments

Roma, 3 agosto 2011 – L’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF), condanna oggi il violento assalto armato alle proprie strutture in Bahrein e la successiva detenzione di un membro del proprio staff.

Il 28 luglio le forze di sicurezza hanno compiuto una violenta irruzione nelle strutture di MSF a Manama, danneggiando l’ufficio e confiscando le attrezzature, compresi i  materiali medici e le forniture;  in quella occasione è stato, inoltre, arrestato un operatore locale di MSF , Saeed Mahdi, che lavora per l’organizzazione come interprete e autista.

Da quando sono cominciate le dimostrazioni in Bahrein, a febbraio, MSF ha visitato circa 200 fra feriti e persone malate che non si recavano nelle strutture sanitarie temendo l’arresto con l’accusa di un presunto coinvolgimento nelle proteste. L’équipe di MSF ha visitato numerosi pazienti nei villaggi di tutto il paese che avevano rifiutato il ricovero urgente in ospedale a causa dell’alto rischio di venire arrestati, e ne ha visitati anche altri che erano stati violentemente malmenati  in carcere.
Read the rest of this entry »

Scritto da Staff_NelParmense

Agosto 3rd, 2011 at 8:27 pm