MARLENE KUNTZ in concerto col nuovo album «Canzoni per un figlio»

nessun commento

Sabato 21 aprile al circolo Arci Fuori Orario di Taneto, ore 22.30

Sabato 21 aprile i Marlene Kuntz portano al circolo Arci Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Reggio Emilia) una delle poche date, scelte in modo accurato, del loro mini tour post sanremese, nel quale presentano l’album «Canzoni per un figlio». Al Festival i Marlene hanno cantato «Canzone per un figlio», e il Fuori Orario è la seconda tappa nazionale di questo loro tour. Il concerto inizia alle ore 22.30, con ingresso riservato ai soci Arci e biglietti a 15 euro; alle 20 apertura del circolo, del punto ristoro (prenotazioni allo 0522-671970 o 346-6053342) e del buffet gratuito fino alle 21.15 in compagnia degli artisti; info www.arcifuori.it. Nell’area stazione è presente il noto vocalist Leonardo Feltrin.

I Marlene Kuntz, originari di Cuneo, sono attivi da oltre vent’anni e, a partire da «Catartica» nel 1994, hanno pubblicato nove album di studio, tra cui «Il vile» (1996), «Ho ucciso paranoia» (1999), «Che cosa vedi» (2000), «Uno» (2007) e «Ricoveri virtuali e sexy solitudini» (2010). «Canzoni per un figlio», uscito nel 2012 con ospiti la pianista Alessandra Celletti, il versatile Gianni Maroccolo, il trombettista Roy Paci e il violinista Davide Rossi, è un disco con due pezzi nuovi e un po’ di canzoni del repertorio, risuonate per l’occasione «lasciando vagare l’estro ovunque ci avrebbe voluto portare – come spiegano i Marlene – senza troppa deferenza nei riguardi della versione originale. Quando il pezzo per Sanremo (“Canzone per un figlio”) ha preso forma, abbiamo avuto quasi istantaneamente l’idea di un concept a essa legato».

«Posto che avevamo deciso – precisano Cristiano Godano e soci – di non fare inutili corse per un disco di nuovi brani, il guizzo del concept ci ha convinto che era la cosa giusta da fare. Ciascuna canzone, dunque, contiene, a nostro sentire, valori o immagini trasmissibili a un figlio, immaginato intorno alla sua fase di ingresso nell’adolescenza o poco dopo. È stato davvero interessante e stimolante rendersi conto che molte nostre canzoni del lontano passato “marlenico”, quelle che per i non addentro a certe sonorità erano percepite come “temibili”, “ostiche”, “ostili”, erano in realtà canzoni dense di contenuto tutt’altro che trasgressivo o incendiario».

Il libretto del cd espone, di conseguenza, un approccio conforme: un ipotetico padre introduce al proprio figlio, con uno scritto di suo pugno, ciò che si andrà a leggere e ascoltare. E ogni canzone viene illustrata da una breve serie di affermazioni a mo’ di suggestione-spiegazione, affinché il figlio possa subliminalmente intuire un fascino da lasciarsi maturare dentro per la sua crescita.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Scritto da Staff_NelParmense

21 Aprile, 2012 at 1:10 am

Pubblicato in Notizie

Tagged with

Per inviare il tuo commento

Devi avere fatto il Login per postare il tuo commento. - Sul link Login click destro mouse e segliere nuova scheda o finestra e aggiornare la pagina -